Resisto

Dalla mostra su Fellini

Resisto

Non smettere di sognare

povera illusione

rannicchiata e piegata

a terra nuda,

circondata da un castello

tutto cerebrale

con il tempo che ti

darà ragione d’essere

partorirai in silenzio

quel disinteresse bambino

che è in te.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/ 

All rights reserved

.

Poesia scritta da Massimo Romano

Il 29 Luglio 2020

Sensazioni

William-Adolphe Bouguereau – Les Oréades

Sensazioni

Stupidi pensieri

sorvolano la mente,

passeggeri di un treno

che non fa fermate

e corrono veloci

in un turbinio di parole

che rievocano sensazioni,

provocano emozioni

e come un battito di ali

placano l’anima nel profondo 

e mi ritrovo 

abbracciato a te.

.

(Massimo Romano)

Monet – Impression, Sunrise.

Riflessi

Abbagliato dai riflessi

di una visione

stereoscopica di quel

raggio di luce,

come magia

dell’essere

apri una finestra temporale

nello spazio di una

realtà dilatata

e doni emozioni

prolungate

da nuove esperienze,

di un tutto in te.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserve

Poesia scritta da Massimo Romano

Il 18 Luglio 2020

Temporale

Temporale

Sciorina lenta la pioggerellina,

sordo tuono

scuoti la terra e

con la scossa squarci il cielo

di un lampo le stradine,

tu

già muto alla vita

da casa alla chiesa

chiuso in spalle ti rifugi,

il tempo di una preghiera e

giù il temporale.

Poesia scritta da Massimo Romano il 7 Luglio 2020

© copyright 2020https://poesiedaltrerime.com/ All rights reserved

Ti aspetto

Claude Monet – Ninfee 1916

Ti aspetto

Nell’attesa

fermo e immobile mi sto

avvolto nella nebbia

come un mistero

che non sa di me

guardo scorrere veloci le nubi

nel riflesso cielo,

si addensano i miei pensieri

nel calmo specchio dello stagno

e aspetto tra i vuoti

quel raggio di sole

che ha colpito per sempre

i miei sensi.

.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

Poesia scritta da Massimo Romano il 30 giugno 2020

La corte

La corte

Solo,

circondato dall’afa del meriggio

al bianco sole della corte,

calzo i calzoni corti

alle ginocchia sbucciate

a rincorrere le lucertole spaventate,

accovacciato all’ombra dei muri

rinfresco l’arsura

con la verde granita

e mentre osservo da dentro

quello che l’arco da fuori trapassa,

il mio cuore si stringe.

.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

Poesia scritta da Massimo Romano il 26 giugno 2020

Parole

Parole

Mentre le guardi

ti posseggono, le parole,

mentre le componi

diventano pensieri

che dolcemente ti accompagnano,

penetrano la mente,

bisbigliano dalla bocca

e prendono corpo,

si danno tono,

timbro

e con la lira squarciano la gola,

con la china fanno l’amore

e vivono per sempre.

.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

Poesia scritta da Massimo Romano il 20 Giugno 2020

Aradeo e dintorni

Aradeo e dintorni

Percorro la sinuosa stradina

ghermendo la frescura

di noci maestosi

alle pendici della collina

Accompagno i miei pensieri

al dolce suono della vallata

tra forme verdeggianti

di una campagna assolata

Tu, pura freschezza

al profumo di rosa

svetti luce

di rara bellezza

Incontro fatale dell’amore

nel riflesso di occhi brillanti

mi batte forte il cuore

come fossimo già amanti.

.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

Poesia scritta da Massimo Romano

il 17 Giugno 2020 mentre percorre le stradine di campagna assolate tra Aradeo, Seclì, Neviano, Tuglie, Parabita e Collepasso

Mietere

Van Gogh

Mietere

Nel giallo gracchiare

del riflesso ondeggiante del campo

spicca il rosso papavero,

falciano

a ritmo del canto

tra la terra che sale

e sudore rosso sangue che scende,

schiocco dell’occhio del padrone

e una cavalletta impaurita

zampetta via.

.

.

.

.

© copyright 2020

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

.

Poesia scritta da Massimo Romano Il 12 giugno 2020 nel mese della mietitura per dare voce a tutti gli invisibili che sono sfruttati nei campi, dal rosso sangue che si confonde con i papaveri rossi, tutto sotto l’occhio del padrone che schiocca la frusta e tutti che girano la testa fischiettando come quelle cavallette che fuggono via zampettando.