Delicata immensità

Dipinto “Tempio interiore”, grattage – olio su tela, Giovanni Guida

Delicata immensità

L’essenza del tutto

nei particolari del

gioco dell’immensità

io e te,

immersi ad ascoltare

il nostro respiro,

accudire i silenzi

degli sguardi

per toccare il cielo

con un dito, come

fosse qui il paradiso.

Poesia scritta da Massimo Romano

il 15 gennaio 2019

I pupazzi di neve

“Per non fermare il tempo, dopo il regalo subìto in occasione dell’epifania, dedico a Voi tutti questa poesia”

I pupazzi di neve

I miei pensieri, bianchi

come i fiocchi di neve

scendono lentamente

sulla scura terra e

nel silenzio tutto

d’intorno,

all’ombra di alberi piangenti

solo un ricordo

quel pupazzo

che si scioglie al

sole di un sorriso.

Poesia scritta da Massimo Romano il 10 gennaio 2019

L’anno che non c’è

Ritratto di Beethoven del 1974, dipinto da William Girometti

L’ anno che non c’è

Anche se sembrerà singolare

l’anno che non c’è

voglio festeggiare,

scordiamo il passato

e senza paura del futuro

brindiamo al migliore,

quello che c’è

in ogni momento

in tutte le ore.

Vita a tutti…

Poesia scritta da Massimo Romano

il 31 dicembre 2018

Semplici emozioni

Campo di grano di Van Gogh

Semplici emozioni

Abbagliato dal sole

riflesso dalla rugiada

di una fresca alba,

torno con la mente

ai lunghi abbracci con

i primi i baci sui selciati,

alle fughe nei campi

e alle cadute nel

fruscio di foglie per

rialzarsi con i fiatoni

e il rossore in viso

d’innocenti emozioni.

Poesia scritta da Massimo Romano il 29 Dicembre 2018

Natale in famiglia

Natale in famiglia

Tra luci, colori

stelle e ghirlande

con tante cose belle

nel paese del reale

il Natale è

giorno speciale

in cui nasce e cresce

la famiglia in generale,

quella piccola comunità

che da senso alla vita

di mamma e papà

in cui ritrovi tanta

accoglienza e serenità.

Auguri a tutti.

Poesia scritta da Massimo Romano

il 25 Dicembre 2018

Ubuntu

Umberto Boccioni – La risata

Ubuntu

Le fantasie dei sogni

s’intrecciano con le

sfumature della realtà

in una moltitudine

di pensieri

riflessi dal suono

di mille frammenti

di uno specchio

frantumato da una

fragorosa risata

liberatoria,

per ritrovare la bellezza

della nostra felicità.

Poesia scritta da Massimo Romano

il 22 Dicembre 2018

Dedicata a Desmond Tutu, arcivescovo anglicano che ha lottato contro l’apartheid conseguendo il premio Nobel per la Pace nel 1984;

Sostenitore dell’ubuntu nella forma più alta con la leggerezza del cuore, della risata e l’unione del divertimento.

Le sue parole:

“Noi tendiamo a prenderci troppo sul serio, dobbiamo ridere molto di più di noi stessi. Così io vorrei dare a tutti un cappello da clown, e dire, alla fine, che la vita è in effetti divertimento, godetevela”.